| Il Tridente Saggi |

pagine : 256
dimensioni :
prezzo : €
ISBN :
Anno di pubblicazione : 2019



acquista su amazon _____________
Andrea Calvi
Quel che resta di Dio
Forme del Sacro nella cultura contemporanea e nella clinica
 
 



Dio e il sacro vivono ancora sotto le braci di una disperazione che investe gli abitanti del Villaggio globale? Il Sacro irrompe negli stati di malessere e nella sofferenza che amplifica il male di vivere. Possiamo ancora ascoltare la sua voce!

Esiste ancora un’esperienza di Dio in grado di atterrire, afferrare, unire, un’esperienza che possa guidare la trasformazione individuale o sociale, veicolare nuove conoscenze, mettere in contatto con il cosmo, dare voce all’emotività profonda, cambiare l’assetto intimo della propria esistenza?
È sempre più evidente che in Occidente Dio sia uscito dai luoghi di culto per nascondersi nel buio dell’Inconscio, nelle maschere del folklore, nelle notti dei boschi lontani dai bagliori delle città. Dio sembra visitare la solitudine delle persone, dare voce al nulla, orchestrare i destini nelle stanze di psicoterapia. Attraverso una polisemia di forme richiama ancora dal passato recente, fa capolino nella musica dionisiaca delle tarantate, sembra interrogarci nelle coincidenze, ci beffeggia ogni volta che non abbiamo spiegazioni. In un presente che sembra sempre più dedicato allo sterile estetismo di forme ammiccanti e alla falsa promessa di una vita felice, Dio sembra farci inciampare attraverso le fobie, la depressione, il panico incontrollabile. Quel che resta di Dio si propone di testimoniare, attraverso la clinica psicoanalitica e la ricerca antropologica, l’irruzione illegale del Sacro, che si mostra più vivo nell’esilio, sempre più smarcato dai centri deputati al controllo e alla professione della fede.